Due quadri

Vi sono in particolare due quadri che adoro su tutti. Sono due quadri che forse hanno come unico tratto in comune una certa dose di emotività, in quanto il razionalismo non m’è mai piaciuto. (Ad esempio Picasso, che per quanto straordinario mi suscita sempre un intimo malcelato fastidio).

Volendo illuminare la mia stanza, la quale vedeva appesi solo due fotogrammi chapliniani, frasi o poesie da Anassimandro ai giorni nostri, dunque ho anche appeso le immagini di questi due quadri.

Si tratta di Toilette di Toulouse-Lautrec e di La Danza di Matisse.

toilette2

 

 

La danza

 

 

 

 

 

 

Il primo è l’irrompere in una fuga di linea che quasi fanno smarrire l’intimità nella quale ci troviamo coinvolti. I colori non fanno altro che commuoverci alla vista di quella schiena così delicata e tenera. Un taglio straordinario da cui non si staccherebbero mai gli occhi golosi.

L’altro è lo stesso movimento cosmico impresso in immagine. I corpi si intrecciano aggraziati e stupendi coningendo con le loro figure lo spazio universale e la terra primigenia. La stessa terra si modifica ed adegua al contatto coi danzatori. E’ la gioia dell’esistenza, della danza che sana ogni colpa. E’ la perfezione circolare del kosmos.

 

5 pensieri su “Due quadri

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

:wink: :-| :-x :twisted: :) 8-O :( :roll: :-P :oops: :-o :mrgreen: :lol: :idea: :-D :evil: :cry: 8) :arrow: :-? :?: :!: