Elefantiasi, orgasmi, attività

In questi giorni sono talmente occupato ed impegnato che potete dedurre come mi sento da questa foto che mi sono fatto stamattina:

Elefantiasi dello scroto

Ahahah! E vabbè, non sono io però la foto è autentica, in quanto si tratta di elefantiasi dello scroto, dovuto  alla filariosi linfatica o Filaria di Bancroft o Wuchereria bancrofti, diffusa più che altro nelle zone tropicali. Viene trasmessa da uomo ad uomo dalla puntura delle zanzare. Può dare una particolare manifestazione agli arti inferiori o agli organi genitali: l’elefantiasi, che viene curata chirurgicamente. (Fonte: AA. VV., Medicina e vita. Enciclopedia medica Motta, Motta, Milano 1974, vol. 1, pag. 91, da cui è anche tratta la foto).

 

Ma lasciando gli scherzi da parte, parliamo un po’ di ciò che faccio in questi giorni. Dunque, la mia principale occupazione è la lettura di un testo che devo recensire, una biografia di un medico, entomologo, proto-microbiologo, anatomista, botanico, etologo, filosofo, illustratore e scusate se è poco. Sto quasi finendo, mi mancano da leggere solo un centinaio di paginette.

A queste letture diurne accompagno lo speluccamento di un autore che mi sta illuminando e sconvolgendo: Sloterdijk.

Vi cito appena questi due passi; sono entrambi un orgasmo per la mente. Ecco il primo:

«Dopo il 386 [a. C.] la filosofia strappa alla tragedia il rango di medium della rivelazione: questo è il senso storico spirituale dell’accademismo originario. Per quanto violentemente la tragedia attica abbia potuto trattare di dèi ed eroi, sarà però la filosofia, in una prospettiva più ampia, a mantenere aperto lo spazio teofanico all’interno del processo di civilizzazione. Probabilmente, ciò che si chiama storia della religione e dello spirito equivale, su ampia scala, alle trasposizioni dello spazio teofanico all’interno delle culture. Il nucleo più antico di quest’ultimo, prima ancora di conquistare presso i Greci il teatro dionisiaco e più tardi di occupare l’accademia […] è rappresentato dagli oracoli e dai culti della trance. Dell’eredità di quest’ultima di impadronì la chiesa cristiana ed essa venne fusa nella teologia dei misteri grazie al sacrificio dell’uomo divino (da cui doveva sorgere un ermafrodita malinconico: il platonismo cristiano, che mostrò la sua forza vitale fino all’idealismo tedesco)» (P. Sloterdijk, Non siamo ancora stati salvati. Saggi dopo Heidegger, Bompiani, Milano 2004, pagg. 17-18).

 

E l’altro:

«Certo il filosofo, dopo Platone, recita anche la parte del pedagogo, ma egli in realtà vuole essere soprattutto un periagogo, uno che rivolta le anime. Le guide abituali dei bambini, gli insegnanti e gli altri, che prendono anche soldi, portano i giovani là dove essi per la maggior parte vogliono andare comunque, su palcoscenici per oratori e lungo i vari gradi della carriera. Il sovvertitore filosofico di bambini li dirige verso uno scopo a cui essi all’inizio non aspirano, poiché essi non possono presagire da soli ciò che ci sarebbe da guadagnare per loro laggiù. Egli è uno psicagogo, che introduci i suoi scolari all’amore per la “verità”, dà loro fiducia nei giochi di luce dell’apriori, liberando in loro un’insuperabile ironia contro la vita deiettiva, rincretinita, invasata, la cosiddetta vita propria» (Ivi, pag. 48).

 

Carusi… Veramente due orgasmi! Ah! Ma vi ho mai detto che io sono un nuovo stadio dell’evoluzione umana? Non sono un homo herctus, bensì un homo herectilis! Ahahah!

 

Ad ogni modo, a parte queste letture, sto approntando (aiutato da una mia bellissima amica) una piccola raccolta di detti, proverbi, parole, modi di dire delle mie zone. Sto annotando i più strani, ma c’è molto lavoro da fare, perché sono veramente tanti e si devono distinguere e scartare quelli che appartengono a zone più ampie (regionali) e quelli che appartengono a gruppi troppo ristretti (amici, famiglie o addirittura singoli individui). Non appena avrò pronto qualcosa lo pubblicherò sul blog.

Inoltre, ogni giorno dalle 19 alle 20 mi occupo di badare, far divertire, far fare piccoli lavoretti a circa quaranta (40!) bambini mentre si svolge la novena di Natale in chiesa. (Anche seguendo Sloterdijk, meglio in mano di un filosofo che di altri, no? ;-))

Infine, domenica pomeriggio ho animato un compleanno di un mio adorato lupetto. Eravamo in quattro, io e tre deliziose fanciulle mie collaboratrici. Ci siamo divertiti parecchio! Quando mi daranno le foto le metterò qui sul blog, così vedrete come mi combino.

È che mi sento più reale quando appaio come immagine, cioè quando sono mascherato o truccato. Mettermi davanti allo specchio e truccarmi o struccarmi è guardare in faccia la mia realtà; o guardare la mia faccia reale!

A presto, con foto e proverbi!

3 pensieri su “Elefantiasi, orgasmi, attività

  1. Condivido pienamente la tua attività con i lupetti, come scrivi,meglio in mani tue che di altri:sei un buon “pedagogo”, nonostante tu non vada molto d’accordo con la pedagogia!!
    Filosofessa

  2. Credo che sia inopportuno e soprattutto STUPIDO, aggiungere "Ahahah!" ad un articolo del genere, nel quale si parla di persone che vivono un forte disagio. Ringraziate solo che nn sia successo a voi, ancora.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

:wink: :-| :-x :twisted: :) 8-O :( :roll: :-P :oops: :-o :mrgreen: :lol: :idea: :-D :evil: :cry: 8) :arrow: :-? :?: :!: