Una Fiaba

Come sempre, durante il periodo elettorale salta fuori qualcosa del genere… Ognuno ci mette del suo…

FIABA DEL GIAMBICO E DELLA SUA COMBRICCOLA

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti è puramente casuale. Questa è una fiaba che non ha a che fare con la realtà. Fosse solo per il fatto che la realtà ha ormai superato la fantasia.

 

Non c’era una volta né mai ci sarà (perché ripeto che questa fiaba non a che fare con la realtà) un paesino arabo-bizantino chiamato MiSbuthai. La più alta carica del paese era essere eletto Giambico.

Avvenne (o meglio, non avvenne, ma facciamo finta) che, dopo un episodio simile a quello di Alice nel paese delle meraviglie[1] in cui tutti erano bagnati, per decidere chi dovesse essere il nuovo Giambico si decise di fare una gara: si tracciò a terra una sorta di cerchio e tutti si misero chi qui, chi là. Nessuno diede il via e tutti partirono lo stesso, ma chi prima e chi dopo. A un certo punto qualcuno disse: «La gara è finita». Restava il problema su chi avesse vinto. Ma se in Alice avevano vinto tutti, a MiSbuthai accadde che vinse un Giambico che fece perdere tutti.

Era costui un uomo amabilissimo, con tanti buoni propositi; ma somigliava un po’ a Pinocchio, il quale preso a tu per tu era dolce e affabile, ma quando si univa alla combriccola dei compagni si lasciava facilmente trasportare a combinare marachelle.

Cosicché, un giorno il Giambico saltò su e disse (e dovete sapere che il Giambico si chiama così perché può parlare solo per Giambi, che sono versi sempre scherzosi):

«Se non si fa come vi dico io,

che sono onnipotente come Iddio,

su cazzi amari e trunzi;

e patapinzi e patap…»

Ma fu interrotto da un grido che gli disse:

«Giambico, sono arrivati i soldi!»

Già, perché il Giambico aveva solo questo di mira: essere ricordato come colui che si portò i soldi a MiSbuthai. Per fare arrivare questi soldini, il Giambico non esitò a fare un movimento per antonomasia: saltò da qui a là.

Ma un giorno venne da lontano una piccola Cubana. Ma che ci farà, direte voi, una Cubana in un paese arabo-bizantino? Ma questa, cari signori, non è una storia che abbisogna di spiegazioni razionali; è una storia dove le cose che accadono non sono mai accadute; e quindi venne (e quindi non venne) questa piccola Cubana. Ma ci credereste che questa signorina aveva il brutto vizio di volere scrivere ciò che avvenne e quindi non avvenne?

E così, scrivendo e riscrivendo, le capitò di voler scrivere anche cose che (come tutte le cose di questa fiaba) non erano mai accadute.

Ma saltò su il vice-Giambico (eh, sì! Questi Giambici hanno la particolarità di saltare…)! Perché, dovete sapere, che il Giambico è una figura tanto importante da avere bisogno di un vice-Giambico che fa tutto quello che lui non fa. Saltò su, dunque, e prese uno strano strumento che esiste solo a MiSbuthai e che si chiama Fonoforo. Col Fonoforo si può parlare a grande distanza, ma con una particolarità forse ovvia: si parla dal buco.

Dunque il vice-Giambico parlò al Fonoforo a colui che permetteva alla piccola Cubana di scrivere e le disse (anche lui, parlando, ovviamente in vice-Giambi):

«Spenniamo la Cubana,

che ha studiato in Toscana;

e via queste terre straniere

di sigari e di bandiere!

Togliete la penna che straripa;

dategli di suo padre la pipa.»

Ma in questo strano e fiabesco paese le disgrazie non vengono mai da sole (per questo pur non esistendo assomiglia a tutto il mondo). Non c’era (o c’era; ormai mi sono confuso anch’io) una sorta di Principe Myskino. Aveva la barba come i russi, per questo lo chiamavano così. Assomigliava un po’ all’idiota del romanzo di Dostevskij[2]. Che tipo strano che era questo Principe; probabilmente era idiota perché non capiva nulla di politica, non ne aveva, come si dice, la mentalità. E cantava sempre una canzone:

«Certo bisogna farne di strada

da una ginnastica d’obbedienza,

fino ad un gesto molto più umano

che ti dia il senso della violenza;

 

però bisogna farne altrettanta

per diventare così coglioni

da non riuscire più a capire

che non ci sono poteri buoni.»[3]

Questo idiota, dunque, questo Principe Myskino fu oggetto delle mire di un’aggraziata dama. Questa fece un’abile mossa: invitò tantissimi nella Zona Libera dove si poteva fare ciò che si voleva: era come una sorta di popolo delle libertà: c’era chi ruttava, chi schiamazzava, chi minacciava, chi era persino libero di essere applaudito perché era cretino!

Ma forse non sapete che codesta dama aveva un’arma segreta! Era un cibo speciale, come nessuno era capace di farlo: era la Zippa! Succulenta, rotonda, condita, buonissima! E portati tutti alla Zona Libera, diceva (volendo imitare il parlare di Giambico e vice-Giambico; ma la letterarietà non le apparteneva, nonostante la grazia del portamento, sicché non riusciva a fare rime), dunque diceva:

«La zippa è la vivanda mia speciale:

chiude le bocche a tutti

perché li fa mangiare!».

Bene, questa è la breve fiaba di MiSbuthai; non vera come tutte le fiabe e che come tutte le fiabe, tipo Cappuccetto Rosso, ha qualcuno che mangia e qualcuno che dev’essere mangiato.

Bisogna solo notare che il Giambico e la sua combriccola avevano fatto proprio l’insegnamento di Benedetto Croce, per cui la politica deve solo badare all’utile, senza badare al giusto, giacché per questo c’è la morale.

Il problema è che l’utile è sempre utile di qualcuno in particolare; il giusto, invece, è giusto per tutti. La nostra Fiaba, con tutto il suo carico di possibilità, di “se”, di “ma”, di inesistenza, si ferma qui. Ma la realtà continua.


 


 

[1] L. Carrol, Alice nel paese delle meraviglie – Attraverso lo specchio, Garzanti, Milano 1989, pagg. 23-29.

[2] Cfr. F. Dostoevskij, L’idiota, Einaudi, Torino 1984.

[3] F. De Andrè, Nella mia ora di libertà, in Storia di un impiegato

6 pensieri su “Una Fiaba

  1. Geniale nella trovata dei nomi, veritiera nella rappresentazione sarcastica della realtà, poco fluida nella lettura ma sicuramente “tempiana”.
    voto: 8

    Filosofessa

  2. ma quale 8! 10 merita! vai avanti che è troppo divertente! NN si capisce però cos’è successo al Principe Miskino! Continua con misbuthai! troppo forte!

  3. Ma non menar troppo vanto: hai scopiazzato la realtà. Che ci vuole?
    Rimango volontariamente nell’anonimato, se volontà all’uomo si può dare (nel duplice senso che esista la volontà e che se esiste essa è libera ed è legittimo che all’uomo un qualche dio l’abbia concessa vista i pastrocchi che combina).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

:wink: :-| :-x :twisted: :) 8-O :( :roll: :-P :oops: :-o :mrgreen: :lol: :idea: :-D :evil: :cry: 8) :arrow: :-? :?: :!: