Archivi tag: attività

Felicità, pagina bianca nella storia…

Può un capello rendere felici? Sì, può. Etiam capillus unus habet suam ombram.
A volte mi sembra d’essere rimasto in qualche luogo, d’essermi fermato colá, d’esser giunto ad un punto e da lì non essermi più mosso; il guaio, il grosso e crasso guaio è che tali punti sono tanti, si assommano eppure non costituiscono linea continua o progressione evolutiva; sono, bensì, una serie discreta.

L’eternità è tra i giorni, tra due giorni. Arriva un giorno, uno qualunque, e per qualcuno non passa.

Una foto, un luogo che a mala pena sostava nei meandri della memoria e non si sa più quel che si è; anzi quando si è.
Abbandoniamo(ci a) queste malinconie da strapazzo; i panni seri che intendeva vestire questo sito, purtroppo non trovano l’adeguato sostegno, cioè colui che doveva vestirli. Con questa cosa deforme e buffonesca che scrive, ogni intento anti-autobiografico vacilla di fronte a ciò che mi sostanzia: la pigrizia. La politica (in ispecie quella paesana) l’ho dismessa, per bastonate metaforiche e (quasi) reali; ho ridotto le attività (tendendo asintoticamente al nulla); ho meno tempo ‘libero’ a motivo delle ripetizioni che il campare m’ha quasi imposto e per via della traduzione.
Giungiamo dunque ai libri. Traduco, come un dannato, come un cane (e forse anche da cane); però confesso che raramente ho trovato un’attività che mi assorbe così completamente; abbasso il capo (o le corna, direbbe qualcuno) per tradurre e quando le rialzo sono già trascorse un paio di orette. Il libro in questione è An enquiry into the nature and place of hell di tale Tobias Swinden. La difficoltà maggiore consiste nel trovare tutti i riferimenti e le citazioni, spesso generiche, quando, a volte, non totalmente assenti. Seguendo, inoltre, i consigli del mio relatore, sto affinando la scrittura; nulla come l’esercizio poetico e il laboratorio della traduzione modellano e rendono malleabile la tecnica scrittoria; ed ovviamente, rendendo fluida la scrittura si scioglie pure la viscosità del pensiero. Mi sono ritrovato a rileggere quanto tradotto e a percepirlo come frutto non mio, stile che non mi appartiene; è una gran cosa (almeno, la mia percezione, che potrebbe essere solo illusione calamaica; ad altri la sentenza).
Leggo, in aggiunta; ho ultimato qualche tempo fa le Lezioni sulla filosofia della storia di Hegel. La cosa stupefacente, oltre i pozzi di sapienza nascostivi, è stata trovare passi che potrebbero benissimo essere messi in bocca a Schopenhauer, in barba alle storiografie ed alle beghe fin troppo spicciole su cui hanno fatto fortuna gli specialisti del gossip filosofico.
Giunti all’illuminismo, Hegel sostiene che, ovviamente riferendosi al suo tempo

con questo principio formalmente assoluto arriviamo all’ultimo stadio della storia, al nostro mondo, ai nostri giorni.
La mondanità è il regno spirituale nell’esistenza, è il regno della volontà che si dà esistenza. Sensazione, sensibilità, impulsi sono anche modi di realizzarsi dell’interiorità, ma in via transitoria nelle singole cose: sono infatti il contenuto mutevole della volontà. Ma ciò che è giusto e morale appartiene alla volontà essenziale esistente in sé, alla volontà universale in sé. [...]
La volontà è libera solo a condizione di non voler altro, nulla di esteriore, di estraneo, poiché in tal caso sarebbe dipendente; la volontà deve volere solo se stessa, la volontà appunto. La volontà assoluta è questo voler essere libera. La volontà che vuole se stessa è la base di ogni diritto e di ogni obbligo, dunque di tutte le leggi del diritto, di tutti i precetti del dovere e i gravami imposti.
(G.W.F. Hegel, Lezioni sulla filosofia della storia, Laterza, Roma-Bari 2003, pag. 359)

Ora, ovviamente qui siamo su un piano dove emerge, soprattutto nelle righe che ho tralasciato e in quelle seguenti, la critica al formalismo morale kantiano, giacché in questo modo la volontà è astratta ed indeterminata; per sé, appunto, e dunque abbisogna di contenuto; v’è anche, inoltre, una flessione morale della volontà stessa, per cui è con essa e per essa che si compie il diritto ed è la volontà assoluta a garantire la libertà. Ed è proprio in quest’ultimo punto che a mio avviso si toccano Hegel e Schopenhauer. Ovviamente per quest’ultimo la volontà non garantisce il diritto di alcunché se non di se stessa e in sé non è né giusta né sbagliata, né buona né cattiva. Ma nel mio insano proposito di far toccare questi due ‘nemici’ mi piace citare ancora Hegel:

La volontà formale vuole se stessa, l’Io deve trovarsi in tutto ciò che la volontà ha di mira e fa. Perfino l’individuo devoto vuol essere salvo e beato. [...] Felice è chi ha commisurato la propria esistenza al carattere, al volere e all’arbitrio suoi particolari, e così gode nella vita di se stesso. La storia non è il terreno della felicità. I periodi felici sono pagine vuote nella storia, poiché sono i periodi di concordia, nei quali manca l’antitesi.
(Ivi, pag. 25)

In questa pagina riluce una saggezza che contraddistinguerà Schopenhauer. Il discrimine è il contenuto della volontà, il quale per Hegel sostanzialmente è concretezza; per Schopenhauer tale multiformità non è che mera illusione. La ‘ricetta’ della felicità è uguale nell’aquila ed in chi volle rappresntare tale aquila con le fattezze di somaro.
Tuttavia, rimane che la pace è ancora bianca: ha il candore delle pagine bianche del libro della storia.

Clown e monteverdi

Con la scusa di far vedere alcune foto ai lettori di questo blog nato ridendo e proseguito piagnucolando (ma almeno lui c’è nato ridendo, a differenza di noi che nasciamo piangendo; m’è venuta in mente, anche se non c’entra tanto, una frase di Homer Simpson: «Voglio andarmene da questo mondo così come ci sono venuto: sporco, in lacrime e strappato dalla donna che amo»), bene con la scusa di far vedere alcune foto che appagheranno (ma solo un po’) il mio narcisismo, colgo l’occasione per inserire un nuovo brano. O forse con la scusa di un nuovo brano colgo l’occasione di inserire alcune foto. Insomma, fatto sta che avremo foto e brano.

Andiamo con ordine, o senza; ma tant’è, in quanto l’ordine lo creiamo noi, o almeno crediamo di crearlo.

Le foto risalgono a ieri pomeriggio. Spesso mi sono soffermato sulla maschera, sul fatto che mi sento più reale quando sono mascherate, e così via con altre amenità del genere. Ebbene, finalmente ho qualche foto (ma presto me ne daranno delle altre e le metterò su flickr o qui) di una delle mie mascherate, l’ultima, in ordine di tempo. Dovevo essere Patch Adams o giù di lì; ma ovviamente ne è venuto fuori un medico strampalato a modo mio, con annessi strumenti da carnefice e camice della Italcarni. Ecco le foto, dove c’è anche la mia (splendida) assistente.

ridim2ridim1ridim4

Bene, il brano che udite, invece, è un ‘madrigale guerriero’ (in questo caso un sonetto musicato) del grande Claudio Monteverdi. Udirete facilmente che la musica sottolinea lo stato d’animo espresso dai versi; Monteverdi è stato tra i primi a teorizzare una così stretta rispondenza tra musica e sentimento; in altre composizioni, su tutte lo stupendo Combattimento di Tancredi e Clorinda, gli strumenti sono utilizzati addirittura in funzione onomatopeica, con gli archi che imitano il suono delle spade che si incrociano e del cozzare degli scudi. Ad ogni modo, ecco il testo (non sempre chiarissimo nello snodarsi quasi a canone) del madrigale guerriero, brano datato, pensate un po’, 1638.

Ardo, avvampo

Ardo, avvampo, mi struggo, accorrete,
amici, vicino all’infiammato loco!
Al ladro, accorrete! Al tradimento! Al foco!
Scale, accette, martelli, acqua prendete!

E voi torri sacrate anco tacete?
Su! Bronzi, su! Ch’io dal gridar son roco.
Dite il periglio altrui non lieve o poco,
e degli incendi miei pietà chiedete!

Son due begli occhi il ladro, e secco amore
l’incendiario che l’inique faci
dentro la rocca m’avventò del core!

«Ecco i rimedi omai vani e fallaci»,
mi dice ognun: «Lascia, lascia ch’el core
per sì beato ardor s’incenerisca, e taci».

Fine dell’estate. Il testamento.

Finalmente è finita, questa estate per cui tutti smaniano. Il mare, la nullafacenza, le vacanze, la gente allegra senza motivo, il rilassamento, tutti che escono, le femmine con le panze di fuori… Che schifezze!
Ma sì, cosa importa! Bien vivre, bien manger, bien foutre!!!
Finalmente è finita, dunque, e si ricomincia ad agire in maniera serrata (ciò che in sintesi vuol dire: ricomincia il mal di spalle).
Come avrete notato, ho allargato questo blog; non ne potevo più di quel coso stretto e lungo (il primo che fa una battuta oscena vince un palloncino); da 700px che era l’ho portato a 1000; ho allargato le due colonne laterali ed ho dato margini al testo principale. Spero risulti più leggibile e meno sgorbio.
Vi annuncio che a breve vi sarà una riapertura in grande stile de Il Tempio Dell’Ombra; vi anticipo solo che ci sarà una lotteria a premi e chi la vincerà avrà l’onore di trascorrere una giornata intera con il Tempio e il Dell’Ombra; e se vincerà una femminella potrà passare anche la notte con noi. (Vabbè, non è vera la storia della lotteria; ma pareva brutto annunciare una riapertura e poi non anticipare nulla; e poi se qualche femminella vuole passare una notte nel Tempio, beh, sempre a disposizione… ) (Per il Dell’Ombra non posso garantire, ma non penso manco lui si tiri indietro! ) (L’ultima emoticon ricalca una foto del Dell’Ombra nel giorno della sua laurea specialistica).
Della Giornata Studio del 2 ottobre ho già dato notizia nel post precedente. Spero accorriate numerosi; sarà, a mio avviso, uno tra gli eventi filosofici di più alto spessore che si sia visto in Sicilia negli ultimi tempi; sia per il tema trattato, sia, soprattutto, perché è raro vedere e sentire studiosi di tale portata che trattano di tale tema in uno stesso incontro.
Io, come al solito, leggo, se non da morire, almeno da mal di spalle. Sto leggendo Don Chisciotte (mi mancava) e procedo nella traduzione di Primeval Man; altre letture occasionali sono le poesie di Poe, uno dei miei primi amori letterari; lo leggevo addirittura alle scuole medie, se non qualcosa, mi pare di ricordare, in quinta elementare.
Avevo promesso a tale fantomatica Regina di scrivere un post sulla maschera; un post non l’ho scritto, ma ne ho accennato qualcosa qui.
Bene, mi pare che un po’ di parole si sono accumulate e questo post sembra quantomeno non-vuoto.
Approfitto di questa ventata di buona volontà (senza pace in terra agli uomini; ma tanto, chi se ne fotte) per inserire il testo e my own personal traduction della canzone che state ascoltando. Si tratta, for the second time in this blog di un capolavoro di Geroges Brassens, segnatamente di Le testament, una canzone malinconica, ironica e anche profonda, densa di pensiero; insomma, è una poesia cantata.  

Le testament

Je serai triste comme un saule

Quand le Dieu qui partout me suit

Me dira, la main sur l’épaule :

“Va-t’en voir là-haut si j’y suis. “

Alors, du ciel et de la terre

Il me faudra faire mon deuil…

Est-il encor debout le chêne

Ou le sapin de mon cercueil ?

Est-il encor debout le chêne

Ou le sapin de mon cercueil ?

S’il faut aller au cimetière,

J’ prendrai le chemin le plus long,

J’ ferai la tombe buissonnière,

J’ quitterai la vie à reculons…

Tant pis si les croque-morts me grondent,

Tant pis s’ils me croient fou à lier,

Je veux partir pour l’autre monde

Par le chemin des écoliers.

Je veux partir pour l’autre monde

Par le chemin des écoliers.

Avant d’aller conter fleurette

Aux belles âmes des damné’s,

Je rêv’ d’encore une amourette,

Je rêv’ d’encor’ m’enjuponner…

Encore un’ fois dire: “je t’aime”…

Encore un’ fois perdre le nord

En effeuillant le chrysanthème

Qui est la marguerite des morts.

En effeuillant le chrysanthème

Qui est la marguerite des morts.

Dieu veuill’ que ma veuve s’alarme

En enterrant son compagnon,

Et qu’ pour lui fair’ verser des larmes

Il n’y ait pas besoin d’oignon…

Qu’elle prenne en secondes noces

Un époux de mon acabit :

Il pourra profiter d’ mes bottes,

Et d’ mes pantoufle’ et d’ mes habits.

Il pourra profiter d’ mes bottes,

Et d’ mes pantoufle’ et d’ mes habits.

Qu’il boiv’ mon vin, qu’il aim’ ma femme,

Qu’il fum’ ma pipe et mon tabac,

Mais que jamais – mort de mon âme!

Jamais il ne fouette mes chats…

Quoique je n’ai’ pas un atome,

Une ombre de méchanceté,

S’il fouett’ mes chats, y’a un fantôme

Qui viendra le persécuter.

S’il fouett’ mes chats, y’a un fantôme

Qui viendra le persécuter.

Ici-gît une feuille morte,

Ici finit mon testament…

On a marqué dessus ma porte :

“Fermé pour caus’ d’enterrement. “

J’ai quitté la vi’ sans rancune,

J’aurai plus jamais mal aux dents :
Me v’là dans la fosse commune,
La fosse commune du temps.
Me v’là dans la fosse commune,
La fosse commune du temps.

Il testamento

Sarò triste come un salice

Quando il dio che dappertutto mi segue

Mi dirà, la mano sulla spalla:

«Và a vedere là in alto se ci sono».

Allora, del cielo e della terra

Mi farà fare il mio lutto…

È ancora in piedi la quercia

O l’abete della mia bara?

Se si deve andare al cimitero

Prenderò il cammino più lungo;

farò la tomba cespugliosa,

lascerò la vita a rinculo…

tanto peggio se i beccamorti mi sgridano,

tanto peggio si mi credono matto da legare,

voglio partire per l’altro mondo

per il cammino degli scolari.

Prima di andare a contare i fiorellini

Alle belle anime dei dannati,

sogno ancora un piccolo amore,

sogno ancora di inzerbinarmi[1];

ancora un volta dire: “Ti amo”,

ancora una perdere la bussola

sfogliando il crisantemo

che è la margherita dei morti.

Dio vuole che la mia vedova si disperi,

seppellendo il suo compagno,

e per farle versare delle lacrime

non c’è bisogno di cipolla…

Che ella prenda in seconde nozze

Uno sposo della mia stesso tipo;

potrà approfittare delle mie collezioni,

delle mie pantofole e dei miei abiti.

Ch’egli beva il mio vino, che ami la mia donna,

che fumi la mia pipa e il mio tabacco,

ma che giammai, morte dell’anima mia!,

giammai maltratti i miei gatti…

Sebbene non avrò neanche un atomo,

un ombra di cattiveria,

se maltratta i miei gatti, c’è un fantasma

che verrà a perseguitarlo.

Qui giace una foglia morta,

qui finisce il mio testamento…

Si scriva sulla mia porta:

“Chiusa a causa di sepoltura”.

Lascio la vita senza rancore,

non avrò mai più mal di denti:

vado là, alla fossa comune,

la fossa comune del tempo.

 


[1]Il testo originale dice m’enjuponner, che significa,letteralmente, “ingonnarmi”, perché jupon è gonna; tuttavia nel significato comune si intende ‘perdere il senno per una donna tanto da divenire suo schiavo’; è quel che da noi si dice di qualcuno che è diventato ‘uno zerbino’, pertanto ho scelto, alquanto infelicemente, ‘inzerbinarsi’. Ogni suggerimento è, dunque, bene accetto.