Archivi tag: scout

Sulla promessa scout

B16 è su Twitter. Al passo coi tempi… C’è da morire dalle risate. Non uno che gli scriva seriamente, tutti a sfotterlo.

Essere al passo coi tempi sembra che spesso coincida con l’essere stupidi: i tempi sono sempre caratterizzati dalla stupidità. Apprendere il proprio tempo con il pensiero, allora, significa capire quanto c’è di stupido nella propria epoca. Una cosa è voler essere al passo con i tempi; altro è cercare di ragionare, quanto più schiettamente possibile. Ed è quanto cercherò di fare ora: ragionare schiettamente sulla promessa scout. Questo implica anche il tentativo di apprendere con il pensiero il tempo in cui è stata scritta la promessa, ossia comprendere quanto di stupido vi sia in essa.

Nessuno si scandalizzi. Lord Baden-Powell (il fondatore dello scoutismo) non ha mai voluto essere un messia, non ha voluto scrivere nessun testo sacro. Se discutiamo della promessa che ha tracciato e se diciamo che dovrebbe subire qualche cambiamento, non stiamo attentando a nessuna fede. O almeno si spera che sia così.

È notizia fresca che la Scout Association e la Guide Associaton, ossia le due maggiori associazioni scout maschile e femminile del Regno Unito (la patria dello scoutismo), hanno lanciato una “consultazione” o “verifica” per vedere se è il caso di modificare la promessa. Il fatto che fa diventare la questione scottante è che vogliono togliere la paroletta “Dio”. (Potete leggere la notizia sul Guardian o su Repubblica. Noto solo per inciso che, per scrivere l’articolo, quelli di Repubblica potevano scegliere qualcuno che ne sapesse un po’ di più di scoutismo. Per esempio, l’autore dell’articolo parla di ‘giuramento’, ma in realtà nel caso degli scout si tratta di ‘promessa’. Basterebbe anche conoscere un po’ meglio l’inglese: si parla di promise e di pledge da tradurre appunto con ‘promessa’; mentre ‘giuramento’ è piuttosto swearing. Non solo: cosa più grave è che il giornalista parla dell’ASCI come se fosse un’associazione ancora esistente, ignorando del tutto che dal 1974 è confluita nell’AGESCI.)

Ma andiamo a noi. La promessa della Scout Association recita: “Prometto sul mio onore di fare del mio meglio per compiere il mio dovere verso Dio e verso il re (o la regina), per aiutare gli altri e per osservare la legge Scout“.

La promessa dell’Agesci, l’associazione più diffusa in Italia, è molto simile:

Con l’aiuto di Dio prometto sul mio onore di fare del mio meglio:
– per compiere il mio dovere verso Dio e verso il mio Paese;
– per aiutare gli altri in ogni circostanza;
- per osservare la Legge Scout“.

In effetti, l’Agesci è un’associazione dichiaratamente cattolica e almeno qui giochiamo a carte scoperte. Tuttavia, lo scoutismo si è da sempre proposto di avere una promessa quanto più simile in tutte le parti del mondo, perché è dalla promessa che si riconosce, almeno formalmente, lo scout. Non c’è bisogno che io dica di essere d’accordo sul fatto che si dovrebbe togliere dalla promessa ogni riferimento a qualsiasi divinità. “Certo – direte – tu sei ateo”. D’accordo, ma credo che avrei voluto togliere ogni riferimento a un qualche tipo di dio anche se fossi stato religioso.

Se una promessa mi deve accomunare a qualcuno, presumibilmente in ogni parte del globo, non vorrei che questa comunanza si basasse sull’impegno assunto nei confronti di una divinità. Innanzi tutto perché le religioni e le divinità sono qualcosa che genera spesso dei conflitti e, più che unire, tanto spesso divide le persone. In secondo luogo (e mi pare ancora più importante), io vorrei che mi accomunasse a qualcuno in tutto il mondo il tipo di comportamento che intende assumere nei confronti delle altre persone, qua, in questa Terra, indipendentemente se crede a un Dio che appare sotto forma di colomba, a una divinità a forma di elefante con quattro braccia, o se non creda affatto in alcuna divinità. Il credere o meno in una divinità, e di conseguenza promettere qualcosa verso di essa, non è un elemento decisivo o determinante per sentirmi “fratello di ogni altra guida e scout”, come si dice.

Stando a quell’articolo di Repubblica, il commissario capo della Scout Association avrebbe detto che la religione resterebbe un elemento importante nello scoutismo. Anche questa è una cosa sbagliata, perché lo scoutismo non dovrebbe occuparsi di religione, bensì di spiritualità, cosa affatto diversa. Per quel che mi riguarda, non sono affatto spirituale, lo spirito per me non esiste se non nell’accezione filosofica del termine. Ma tanto mi basterebbe, sarebbe quella la mia spiritualità.

Per tornare alla promessa, c’è un altro aspetto che io modificherei, ma di cui nessuno sembra preoccuparsi. Baden-Powell era un ufficiale dell’esercito inglese, che ha combattuto per la potenza coloniale di sua maestà, che per questo ha avuto alti riconoscimenti e che era amico del convinto colonialista Rudyard Kipling. Sì, l’autore de Il libro della giungla, il quale riteneva che l’uomo bianco avesse la missione di civilizzare il resto del mondo. Ora, da un uomo come Baden-Powell, mi aspetto bene che il suo sentimento patriottico e la devozione verso la casa reale gli abbiano suggerito di scrivere una promessa che tirasse in ballo queste cose. Così oggi noi ci ritroviamo con le frasi all’apparenza innocenti: “compiere il mio dovere verso il re” oppure “compiere il mio dovere verso il mio Paese”.

Cosa vuol dire “compiere il mio dovere verso il re” o “verso il mio paese”? Cosa voleva dire quando i sudditi di sua maestà britannica combinavano le loro porcherie in Africa e in Asia? Cosa voleva dire quando il “mio paese” era sotto il regime fascista? O sotto il nazismo? Dopo gli stermini che la storia ci ha mostrato, io casserei completamente quella frase. C’è un dovere più alto del servire il mio Paese (ovviamente sapete che non ‘credo’ ai doveri; il dovere in questo caso è ciò che io scelgo di fare). Innanzi tutto, come essere umano devo compiere il mio dovere verso l’umanità. Questo dovere travalica quello che ho verso il mio Paese. La misura del dovere che ho verso il mio Paese è il dovere che ho verso l’umanità.

In sintesi, quando io prometto, mi scelgo il dovere non come qualcosa di esterno, ma come qualcosa che parte da me. Ecco, quindi, la promessa come la scriverei io:

“Prometto sul mio essere umano di fare del mio meglio:
– per compiere il mio dovere verso l’umanità;
– per aiutare gli altri in ogni circostanza;
– per osservare la Legge scout”.

Prometto sul mio essere umano, con tutto il carico di miseria e grandezza che ne deriva. Cerco di ricordarmi sempre che essere scout significa innanzi tutto essere uomo nel senso compiuto del termine, nel bene e nel male. Questa è la promessa che cerco di mantenere ogni giorno.

Appunti sullo scoutismo

Tutto sommato, la mia permanenza negli scout non è stata molto lunga: quattro anni nel clan e quattro da capo. C’è chi ci passa una vita, io solo otto anni. Ho abbandonato lo scoutismo proprio per uno dei sui principi fondamentali, ossia che ci sia un’interdipendenza tra pensiero e azione. Certo, non è stato solo lo scoutismo a insegnarmi l’importanza di questo principio, è stato anche Kierkegaard; ma è stato anche per via di ragionamento che ne ho compreso la portata.

Otto anni, dicevo, sono pochi, a dispetto di quanto possa sembrare. Cionondimeno, bastano a farmi mancare maledettamente le uscite in campagna e soprattutto i campi coi lupetti. Sono pure sufficienti ad aver creato un legame molto profondo con bambini che ormai sono ragazzi.

Lungo il corso di questi anni, ho cercato di comprendere cos’è mai lo scoutismo e come debba essere fatto. Ne ho sviluppato una visione che ho cercato costantemente di mettere in pratica; non so se sia ortodossa e sinceramente non mi importa. La credo giusta e, almeno per le mie possibilità, la migliore possibile. In fondo lo scoutismo, come ogni altra cosa, tende alla salvezza. A questo termine do un’accezione del tutto mondana; mi si perdoni la terminologia, ma è adeguata all’oggetto: con salvezza intendo (utilizzo termini scoutistici) il “vivere la vita con successo”, ossia, in parole molto povere, il “sorridere e cantare anche nelle difficoltà”, il “fare del mio meglio” (come ho sempre cercato di mostrare ai lupetti) e l’essere “sempre pronti” a “servire”. Lo scoutismo serve a questo. Traccio di seguito alcuni punti che ritengo fondamentali per raggiungere questo scopo elevato.

  • Lo scoutismo è un mezzo, non un fine. Non si fa scoutismo tanto per farlo o con il semplice obiettivo di perpetuare lo scoutismo stesso. Ricordiamo che «il sabato è fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato» (Mc 2, 27).
  • Ne segue che lo scoutismo non ha come scopo quello di “produrre” capi scout o scout in generale. Lo scopo principale dello scoutismo è, per parlare in termini più precisi rispetto a “salvezza”, formare cittadini. Questo compito è lasciato in gran parte nelle mani del capo. Ciò lo sosteneva il fondatore dello scoutismo. A me non basta, perché non può essere uno scopo forgiare esseri assoggettati a uno stato; so che non è questo lo spirito delle parole del fondatore, ma mi piacerebbe precisare che lo scopo dello scoutismo fosse inteso come formazione di esseri umani degni di questo nome, indipendentemente dalla cittadinanza nazionale o globale. Il compito del capo è quello di dare la possibilità di comprendere come si possa essere veramente umani. Se tutti i lupetti che ho avuto la fortuna di guidare dovessero scegliere di non diventare capi scout ma sarebbero delle ottime persone grazie anche a quel poco che ho avuto la fortuna di mostrare loro, allora il mio compito di capo sarebbe stato assolto in pieno.
  • Il singolo viene prima del gruppo. Anteporre le esigenze del gruppo alle esigenze reali del singolo è contrassegno dei regimi totalitari. La meta è il singolo, non il gruppo. Di gruppi ce ne sono sempre, ce ne sono stati e ce ne saranno a bizzeffe. È il singolo che è difficile da trovare: «Nella comunità il singolo “è”. Il singolo è dialetticamente decisivo come un prius per formare la comunità, dove è qualitativamente un elemento essenziale; e appena gli “altri” abbandonano l’idea, può diventare più alto della “comunità”. Il principio di coesione per la comunità è che ciascuno sia il singolo, e poi l’idea»[1]. Che poi essere un singolo implichi il sapere godere del gruppo e l’essere a suo completo servizio quando occorre è altro paio di maniche. Ne dovrebbe seguire che dal gruppo non va mai cacciato nessuno; a limite del paradosso per cui a beneficio di un singolo si metta da parte il resto del gruppo: «Se un uomo ha cento pecore e una di loro si smarrisce, non lascerà le novantanove sui monti e andrà a cercare quella che si era smarrita? E se gli capita di trovarla, in verità io vi dico: si rallegrerà più che per le altre novantanove che non si erano smarrite» (Mt 18, 12-14). Se non dovesse bastare, aggiungiamo: «Non hanno bisogno del medico i sani, ma i malati» (Mt 9, 12). Capita che invece una volta che qualcuno si allontana dal gruppo decadano anche i rapporti personali. Questo, a mio avviso, è tradire lo scopo dello scoutismo.
  • Se qualcuno che si era allontanato dal gruppo, per qualunque motivo, ritorna, allora lo si accoglie festosamente. Non c’è neanche bisogno di citare la parabola del figliol prodigo.
  • Lo scoutismo non è un cantiere o una bottega. A volte si ha l’impressione che lo scopo dello scoutismo venga inteso come l’imparare a fare delle cose. A mio avviso, anche questo è un fraintendimento. Chi pensa che la cosiddetta abilità manuale debba essere l’obiettivo principale, tanto vale che apra una bottega da falegname; pare che vi siano stati esempi illustri in Palestina e inoltre si può anche aver fortuna e può capitare che un pezzo di legno si trasformi in un bambino vero. Non si può diventare singoli senza pensare, ecco tutto. Se si è sempre impegnati a fare qualcosa non si può pensare. Del resto, «Marta, Marta, tu ti affanni e ti preoccupi di molte cose. Invece una sola cosa è necessaria. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta» (Lc 10, 41-42).
  • Il compito precipuo del capo è lasciar divenire i ragazzi ciò che sono. Ossia: i ragazzi non sono dei fantocci nelle mani del capo, bensì il capo è uno strumento nelle mani dei ragazzi. Io, da capo, non ho mai cercato di inculcare dottrine, di imprimere direzioni da una parte o dall’altra, di piegare le facoltà e le capacità delle persone di fronte a me in un verso o in un altro. Ho cercato di ragionare assieme, di capire cos’era giusto (o quantomeno meglio) fare, di divertirmi, di non cedere ai capricci e di non fare come gli innamorati che a furia di ricercare il contatto e la costanza a tutti i costi cedono alle voglie superficiali e quasi smarriscono la propria identità. Non ho mai ceduto a desideri spiccioli, non ho mai cercato di far piacere lo scoutismo. Se vogliamo, non ho mai cavato fuori da nessuno ciò che già non fosse in lui, grosso modo rifacendomi alla maieutica socratica. Non ho mai detto: “Si creda in questo o in quello”. Ho sempre detto e fatto: “Io faccio in questo modo. Ti interessa? Se sì, ragioniamo assieme sul perché, te lo mostro, tu mi dici cosa ne pensi e poi ognuno per la sua strada, che può anche essere parallela”. Difatti, «”questa è la mia strada, dov’è la vostra?”, così rispondo a quelli che da me vogliono sapere ‘la strada’. Questa strada, infatti, non esiste!»[2]. Se così non fosse, il motto “guida la tua canoa”, sarebbe solo uno slogan, tra l’altro poco elegante.
  • Non bisogna far sì che i ragazzi scambino la validità di quanto si propone con il legame affettivo che si ha col capo. Forse l’errore più grosso che ho commesso da capo è quello di aver fatto legare troppo alcuni lupetti a me; con il risultato che qualcuno ha lasciato il gruppo quando l’ho lasciato io. Certo, alcune cose si possono ottenere solo al prezzo di costruire un legame profondo, altrimenti l’esempio che si può dare non ha alcuna efficacia; ma si dovrebbe riuscire a essere tanto bravi da far comprendere che questo tipo di legame non si deve avere con la persona che in quel momento assume quel ruolo, bensì con ciò di cui quella persona si fa portatrice. È un compito arduo; probabilmente è stato al di sopra delle mie capacità. Certo, non è in discussione l’affetto che ho provato e provo per chi mi è stato accanto e a cui sono sono stato vicino. Tuttavia, credo che forse non sono stato capace di far scindere ciò che proponevo da me stesso; se da un lato è giusto così, perché significa che ho proposto cose in cui credevo davvero, dall’altro è pericoloso, perché tolto me alcuni hanno pensato che si è tolta anche la proposta.

 

Ovviamente, alcune di queste cose che ho scritto sono state istintive e ci ho riflettuto in seguito rielaborandole; altre invece sono frutto di errori e di conseguenti aggiustamenti per mezzo di quel po’ di ragione che ancora mi porto appresso. Forse avrete notato che, riferimenti evangelici a parte, non ho compreso nello scoutismo alcuna intenzione religiosa. La religione (o la sua completa assenza), ritengo, fa parte della strada personale di ognuno in quanto singolo. Per questo non ho mai proposto nessuna fede a nessuno; per questo non ho mai detto credi (o non credere) in questo oppure credi (o non credere) in quello. Sono stato Akela, il lupo che guida il branco. Ma Akela alla fine, come ogni cosa, perisce e passa. Se il branco ha prosperato anche grazie alla sua guida, Akela è contento e può addentare in pace la sua ultima, invisibile preda.

Note    (↵ torna al testo
  1. S. Kierkegaard, Diario, tr. it. di C. Fabro in S. Kierkegaard, Opere, vol. II, Mondadori, Milano 2010, pag. 576.
  2. F. Nietzsche, Così parlò Zarathustra, tr. it. di M. Montinari, Adelphi, Milano 2008, pag. 230.